Un Caffè con l’autore – Andrea Cataldi

36743680_10212367400596452_944820026899169280_n

Per la rubrica “Un Caffè con l’autore” oggi parliamo di Andrea Cataldi e del suo “Ivano dei miracoli”.

 

Buon pomeriggio, Andrea. Ti va di parlarci un po’ di te?

Ricordo che su di un social, una volta, mi chiesero di descrivermi in poche battute, se permetti vorrei ripetere, senza troppi giri di parole, quella definizione essenziale e un po’ scanzonata che allora feci di me. Ecco: sono Andrea Cataldi, insegno Lettere a piccole menti con ancora un po’ di sale in zucca, amo la letteratura, il teatro, il cinema con un trasporto romantico e carnale al tempo stesso, scrivo in versi e prosa da più di una vita.

 

“Ivano dei Miracoli” può essere considerato una favola moderna?

Sicuramente sì. Il viaggio intrapreso dal mio personaggio è senza dubbio simile a quello dell’eroe di tante favole classiche. Ivano, però, non è assolutamente un “eroe senza macchia” ma l’anti-eroe moderno per antonomasia; attanagliato da mille dubbi e da troppe incertezze però egli accetta la sfida presentatagli dal destino e riesce a viverla tutta a modo suo. I personaggi e i topos che circondano il protagonista , poi, sono rappresentazioni di archetipi fiabeschi calati in una dimensione pienamente contemporanea. Tra tutti i personaggi spicca certamente Elfrida, la co-protagonista della storia, un po’ mentore, un po’ maliarda, un po’ principessa da salvare (o forse solo da vivere).

 

Quale aspetto credi che sia più evidente in Ivano, il protagonista?

Ivano è una persona che, con tutti i suoi limiti, si lascia voler bene … a patto che si accetti di conoscerlo pienamente. Ha molti difetti, indubbiamente, ma anche tantissimi pregi che forse non saltano subito all’occhio. Ivano è un buono, un ingenuo, ma anche una persona tenace, alla perenne ricerca di una gratificazione personale.

 

 Quale messaggio potrebbe rimanere al lettore che vivrà la tua storia?

Mai fermarsi a guardare il mondo da una sola prospettiva! Ci si priverebbe, altrimenti, di incredibili tesori e scoperte irripetibili. Penso ad Elfrida, il vero alter ego di Ivano nella storia, che per conoscere davvero una persona deve ritrarla più volte in più pose e atteggiamenti differenti. Come ama affermare una mia carissima amica, la vera ispiratrice di Elfrida: “Chi si sposta d’un passo, cede il cuore alla Grazia”.

Rimandiamo i lettori al tuo link
https://www.letteraturaalternativa.it/shop/narrativa-italiana/ivano-dei-miracoli/