L’Impostore di Monica Tedeschi - Letteratura Alternativa

L’Impostore di Monica Tedeschi

Dietro le quinte, nel suo camerino, l’Impostore si guardava allo specchio controllando ogni particolare del suo viso e del suo corpo; si scrutava, decidendo infine di sottolineare il contorno degli occhi con un tratto di matita nera.
Oltre il sipario una platea eccitata lo acclamava inneggiando a quell’uomo di cui non conosceva neanche i lineamenti, applaudendo con ritmo e picchiando con i piedi sul pavimento.
L’Impostore si posizionò al centro del palcoscenico e con le braccia aperte fece cenno di alzare il sipario; i drappi rossi impreziositi da frange dorate si sollevarono.
La platea si infiammò applaudendo fragorosamente ma, bastò un solo cenno di mano di quel cerretano mascherato a placare gli animi.
“Siete disposti a vendere l’anima al diavolo?”. L’Impostore sferzò donne e uomini con voce altisonante.
Iniziò a passeggiare lentamente sul palco con le braccia dietro la schiena e le mani incrociate mentre uomini e donne lo seguivano con occhi impazienti, avidi e vogliosi.
Alzando un braccio indicò un uomo in ultima fila “Tu alzati e guardami, rispondimi, cosa vuoi in cambio della tua anima? Cosa ti posso offrire? “quindi facendo un piccolo passo l’Impostore indicò una donna in prima fila e con gesti garbati le chiese: “Quanto pesa la tua anima? Che prezzo le riconosci?”.
Nessuno dei due osò rispondere alle domande incalzanti di quell’uomo che per colmare il vuoto nel suo petto sfidava la licenziosa corruttibilità degli esseri umani ignari del prezzo da pagare, quello di trasformarsi in ombre di se stessi fatti di inconsistente aria in balia dei venti, maschere sovrapposte da cambiare a piacere e da riporre la sera nel buio della solitudine.
Nel teatro gli impacciati divennero disinvolti nel chiedere e nel pretendere dall’Impostore i loro crediti non accorgendosi di svanire lentamente perdendo voce, tatto, udito, olfatto e vista; le loro anime erano ora oramai altrove.
L’Impostore con un sorriso beffardo si inchinò al vuoto e indietreggiando lentamente scomparve dietro il sipario che calò sulla scena.

“L’Impostore” di Monica Tedeschi
Libri pubblicati con LA “Come farfalle sull’acqua
In fase di pubblicazione “Chiamami Clò
Iscriviti alla nostra
NEWSLETTER!